Fernando José Saavedra Areas, Kamhkabaira

Poeta della Costa Caribe Nicargüense Fernando José Saavedra Areas usa in poesia un registro volutamente umile, spoglio ed essenziale, dal tono basso e pacato per mettere in risalto, in evidenza la sostanza che alimenta il suo lavoro: il dolore per gli amici morti (in battaglia durante la lunga guerra civile, in mare pescando, o vittime di un uragano), la fatica del vivire "nell'abbraccio perpetuo con la miseria endemica". Ma uniti alla sofferenza ci sono valori che qui persistono e risultano ben radicati: la solidarietà ("Abbiamo la forza / della mani unite"), il legame con gli amici, l'impegno sociale. Non a caso uno dei suoi ultimi lavori poetici s'intitola Kamhkabaira (2009), che in miskito (la lingua degli indigeni della Regione Autonoma dell'Atlantico del Nord – RAAN) è il lutto portato per un amico morto, non diverso da quello di una donna per il compagno, il marito. Punto centrale dell'esplorazione di Saavedra è Puerto Cabezas, con davanti il Mar Caribico, intorno la vasta Costa de Miskitos e alle spalle la bassa e infuocata pianura. Regione separata dalla Costa del Pacifico, dalla capitale Managua, raggiungile praticamente soltanto in aereo. È una geografia a noi sconosciuta, dove si mescolano razze, lingue (oltre allo spagnolo e al miskito nella costa si parla inglese), colori della pelle e culture diverse, dove la bellezza del paesaggio (la spiaggia, il vasto mare, il verde) ogni giorno è messa alla prova dalle calamità naturali: maree, uragani e fiumi che straripano. Il poeta descrive, narra, recupera la memoria, le piccole storie individuali e collettive, come a voler creare dighe di versi all'oblio, alla solitudine, alla morte. Alla "desesperanza" non c'è rimedio, ma permane il ricordo di un amore, l'amicizia che perdura oltre la morte, forse la poesia, però priva di orpelli, spinosa e contudente, come un albero mutilato, che non dà più ombra né frutto.

ALBERO MALVAGIO

Il contadino ha tagliato
l'albero
per rubare la sua frutta.

È morto il contadino
di fame
senz'ombra né un frutto.

Albero malvagio.

(da Kamhkabaira)

Fernando José Saavedra Areas è nato a Managua, in Nicaragua, nel 1961, ma vive da tempo nella Costa Atlantica del paese. È avvocato, giornalista e professore univesitario nella zona di Bilwi. Dirige il Movimento Culturale Multietnico della Regione Atunoma dell'Atlantico del Nord ed è fondatore di Reti sociali. Ha pubblicato diversi libri di poesia e i suoi testi sono stati inseriti in antologie.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...