Cronaca del faccia a faccia con Jane Austen

Siamo venuti in possesso, per vie traverse, di un prezioso documento: la copia di una lettera a Jane Austen da parte di una sua amica, una certa Serena, di cui non abbiamo trovato traccia nella biografia della nostra. Qualcuno potrà obiettare circa la sua autenticità, visto che è datata oggi, ma si sa, gli autori muoiono solo quando non c’è più nessuno che li legge, e nel caso di Jane Austen si può dire, senza tema di smentite, che sia più viva che mai.

Roma, 31 gennaio 2010

Mia carissima Jane,

ieri finalmente c’è stata la serata di cui ti ho scritto un mese fa. È stato un trattenimento assolutamente delizioso, sia grazie ai nostri ospiti (il gruppo di lettori accaniti I Libri In Testa, di cui ti ho già parlato) sia grazie al numeroso pubblico di, non arrossire ti prego, tuoi fan sfegatati.

Che emozione: un invito per una serata dedicata alla mia cara Jane nel mezzo della stagione mondana e nel centro di Roma! Mi sono imposta, come tu stessa mi hai suggerito, di non svenire e per ciò mi sono portata una boccetta di sali. E ce n’era ben donde giacché la saletta del piano superiore della storica libreria Croce era piccolissima invero per tutto il pubblico, in maggioranza donne, accorso. Ben presto ha cominciato a fare un caldo da morire. Un gentiluomo, anziano quanto basta per desiderare di differire oltremodo l’ora della sua dipartita, ha perciò chiesto di accendere l’aria condizionata e così abbiamo tutti potuto respirare.

Ho notato con disappunto che il gruppo dei Libri in Testa continua a sfoltirsi, stavolta il signor Governatori era assente, per impegni nelle Marche mi hanno detto – imperdonabile! In sua rappresentanza abbiamo avuto però la sua deliziosa moglie accompagnata dalla figliola, mascherata per il carnevale, che cresce e diventa sempre più graziosa. I restanti Libri In Testa erano i signori Brandolini, Cipollone, Ierolli e la signorina Giuliani.

L’atmosfera nella sala era elettrica, il pubblico sovraeccitato ha puntualmente e continuamente commentato quello che i Libri In Testa andavano leggendo e dicendo, ora approvando ora dissentendo vigorosamente, come quando il signor Libro In Testa Cipollone ha usato – orrore – un’edizione vecchissima di Orgoglio e Pregiudizio nella quale i nomi erano stati ingiustificatamente tradotti nella nostra lingua (figurati: Giovanna al posto di Jane, da far ridere i polli!). Immediatamente da dietro di me diverse voci hanno individuato l’edizione che lui aveva bollandola come “vecchia” e citandone numerose di più aggiornate. Ma il signor Cipollone ha avuto modo di riscattarsi, come ti dirò.

Proprio la gentildonna che mi sedeva dietro era preparatissima su di te, sui tuoi libri e sui film tratti da essi, quasi quanto il signor Libro In Testa Ierolli che, ho scoperto in questa serata, ti ha dedicato un sito internet e una traduzione delle tue deliziose opere giovanili. Il signor Ierolli ha, in virtù della sua approfondita conoscenza austeniana, tenuto banco per tutta la serata, avendo come appassionato controcanto quello della signorina Libro In Testa Giuliani, di cui poi ti dirò. Loro due hanno letto diversi brani dei tuoi romanzi, dai quali si capiva tutto il tuo affascinante stile: l’arte di scrivere con un pennellino finissimo su un quadratino di avorio, la capacità di dire tutto dando l’impressione di parlare di niente.

La signorina Libro In Testa Giuliani ha letto un brano nel quale giustamente si deploravano i fidanzamenti come inutili lungaggini, soprattutto se non finalizzati al matrimonio. Per quanto mi sia sforzata, allungando il collo a destra e a manca, non sono riuscita a capire se tali parole fossero indirizzate ad un giovanotto in particolare presente in sala. Se in futuro ne saprò di più, non mancherò certamente di aggiornarti!

Il signor Libro In Testa Brandolini ha cercato più volte di intervenire proponendo delle sue letture e riflessioni, ma con scarsi risultati. Ti dicevo del signor Cipollone. Egli si è riscattato leggendoci alla fine un brano da Emma nel quale si biasimava l’egocentrismo di chi costringe gli altri a lasciare il focolare domestico per andare a fargli visita, specialmente quando è brutto tempo – e invero ieri pioveva e faceva freddo – ma noi non abbiamo nulla da perdonare a chi ci ha donato una serata così piacevole.

Con questo penso di averti dato un’idea abbastanza chiara degli accadimenti di ieri. Ti saluto affettuosamente, la tua cara

Serena

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Jane Austen e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Cronaca del faccia a faccia con Jane Austen

  1. utente anonimo ha detto:

    Complimenti a Serena e ai signori I libri in testa intervenuti!
    Michele G

  2. alexbrando ha detto:

    Cara Jane,
    è la prima volta che ti scrivo e sono un po’ emozionato. Avrei voluto dire nel corso della serata a te dedicata (ma Ierolli era, giustamente, scatenato) della tua abilità nel riuscire a entrare sottilmente nel cuore delle persone, sempre però viste in relazione agli altri, sia nell’ambito famigliare che sociale. Persuasione è un romanzo che mi ha colpito molto, c’è quel dialogo – capitolo quinto – tra Anne e Mrs Smith che trovo toccane e moderno e per questo torno spesso a rileggermelo, lì dove si parla del dolore, della concretezza dell’agire e della critica a chi ha ricevuto "la migliore educazione". Beh, restiamo in contatto, se ti è possibile.
    Tuo, alex

  3. giuseppeierolli ha detto:

    Alex,
    non aver letto quel pezzo è stato davvero un peccato. Ne riporto uno stralcio:

    "La signora Rooke, l’infermiera, sa perfettamente quando è opportuno intervenire. È una donna intelligente, accorta, di grande buonsenso. Ha una speciale intuizione della natura umana, una base di saggezza, una facoltà di osservazione che la rendono mille volte preferibile, come compagna, a quelle centinaia di persone che, avendo ricevuto «la migliore educazione del mondo», non sanno dedicarsi a nulla di solido. Chiamatelo pettegolezzo, se volete, ma quando la Rooke ha mezz’ora di tempo da dedicarmi, potete star certa che ha da riferirmi qualcosa di valido e interessante, qualcosa che mi fa meglio conoscere la specie umana. È bello essere tenuta al corrente di quel che succede, di essere al corrente dell’ultima moda, di sentirsi un po’ fatue e sciocchine. Per me, che vivo tanto in solitudine, vi assicuro che i suoi racconti sono un vero regalo."
    (trad. Maria Luisa Castellani Agosti)

  4. utente anonimo ha detto:

    Cara Signora Jane,
    come sarà sorpresa nel ricevere questa mia lettera! E credo proverà qualcosa di più che sorpresa quando saprà che non ho potuto onorare con la mia presenza la serata che i Signori Libri in Testa le hanno dedicato. Non so esprimerle la mia delusione quando ho saputo che in sala c’era pure quel gentiluomo del Colonnello Brandon. Che peccato non averlo potuto incontrare! Pensi che per l’occasione, seguendo il suo prezioso consiglio, avevo acquistato un graziosissimo abito in mussola!
    I Libri in Testa, mi hanno riferito, sono stati come sempre all’altezza della situazione e quel Ierolli di cui le avevo già parlato e che nutre per lei un’insana passione, pare abbia dato davvero il meglio di sé. Non me ne voglia Signora Jane e la prego di scusarmi per ciò che, le assicuro, non è affatto dipeso dalla mia volontà. D’altra parte, lei lo sa, nutro una stima sincera per i Signori Libri In Testa che spero, un giorno, di poter invitare tutti nella mia dimora, ultimamente un po’ ballerina, ma come sa, accogliente e graziosa.
     
    Sua amica
     
    Rosaria Caruso

  5. utente anonimo ha detto:

    ci tenevo tanto a venire, ma avevo un impegno inderogabile. adesso dopo questa relazione non sono dipiaciuta…di più! 

  6. giuseppeierolli ha detto:

    Come sapete, di lettere austeniane ne abbiamo poche; però vedo che il numero sta aumentando considerevolmente!
    Ciao Rosaria, la tua assenza era stata naturalmente notata e cortesemente attribuita all’inclemenza del tempo. Sulla casa "ballerina" non se se Miss Jane capirà la metafora: secondo me avrà pensato a una contraddanza.
    Per il dispiacere non ti preoccupare; prima o poi potremmo organizzare un faccia a faccia austeniano a L’Aquila (ovviamente astenendoci dai "balli").

  7. utente anonimo ha detto:

    Ciao Pino!
    Magari la contraddanza, avrei partecipato volentieri …
    Comunque bravi, mi sono divertita a leggere il resoconto di Serena
    e rammaricata per la mia assenza.
    Ci vediamo con Magda!
    Rosaria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...