L'altra Austen. 4: Sanditon

Copertina dell'edizione italiana di SanditonUn paesino sulla costa; un intraprendente ed entusiasta imprenditore, in fin dei conti anche simpatico, che sogna di farlo diventare una località alla moda e di attirare frotte di turisti; una ricca nobildonna, meno entusiasta e più attenta al tornaconto economico, che si associa all’imprenditore, ma con giudizio; sorelle e fratelli dell’imprenditore che cercano, ciascuno come può, di aiutare il fratello nell’impresa. E poi, naturalmente, alcuni giovani pronti per l’innamoramento: il romantico un po’ sopra le righe, la ragazza giudiziosa, un’altra ragazza un po’ misteriosa, un’altra ancora che cerca di ingraziarsi la ricca zia. Questo è lo scenario iniziale di Sanditon, l’ultimo romanzo di Jane Austen.

Solo che non sapremo mai come va a finire, perché, iniziato a gennaio del 1817, fu poco dopo abbandonato per l’aggravarsi della malattia dell’autrice, che morì pochi mesi dopo, il 18 luglio 1817. Ci restano dodici capitoli (un’ottantina di pagine) che riservano comunque delle sorprese.

Dopo un romanzo ricco di introspezione come Persuasione, dove la vena parodica austeniana resta viva ma è come se fosse messa un po’ in sordina, qui sembra di tornare alla Austen più esuberante dei romanzi precedenti, con in più un’insolita attenzione a un fenomeno come quello della speculazione edilizia che ora ci sembra familiare, ma all’epoca strideva con la concezione del “gentiluomo che è tale perché non ha bisogno di lavorare”, anche se di speculatori, edilizi e non, ce n’erano molti anche nell’Inghilterra di primo Ottocento. Un tuffo in un territorio che la Austen non aveva mai esplorato e può far immaginare, ma ovviamente è solo un’ipotesi, che se le fossero stati concessi altri anni di scrittura avremmo potuto vedere sviluppi imprevisti nei suoi romanzi.

Ma dobbiamo per forza accontentarci di quello che c’è; se si supera la delusione dell’incompiutezza, Sanditon ha un fascino particolare e la lettura non delude chi ha amato i sei “romanzi canonici”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Jane Austen e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...