L'altra Austen. 3: I Watson

Frammento del manoscrittoPerché Jane Austen lasciò incompiuto I Watson? perché la sua vita somigliava troppo a quella delle sorelle Watson? perché era distratta dai divertimenti di Bath? perché non le piaceva più? perché morì il padre e aveva altro a cui pensare? Nessuno lo sa. Ma è un frammento che vale la pena di leggere, e magari la voglia aumenta leggendo quello che ne scrisse Virginia Woolf:

Quali ne sono le componenti? Un ballo in una città di provincia; alcune coppie che si incontrano e si tengono per mano in una sala dove si mangia e si beve un po’; e, come “catastrofe”, un ragazzo che viene umiliato da una signorina e trattato con bontà da un’altra. Nessuna tragedia, nessun eroismo. Eppure, per qualche motivo, la scenetta ci commuove in modo del tutto sproporzionato all’apparente banalità. Il comportamento di Emma nella sala da ballo ci ha permesso di capire quanto riguardosa, tenera e spinta da sentimenti sinceri si sarebbe rivelata nelle crisi più gravi della vita che inevitabilmente, mentre la seguiamo, si dispiegano ai nostri occhi. Jane Austen padroneggia un’emozione molto più profonda di quanto non emerga in superficie. Ci stimola a fornire quel che manca. Lei pare offrire solo un’inezia che però si espande nella mente del lettore arricchendo certe scene a prima vista insignificanti di una vitalità quanto mai duratura.

C’è una frase che per me è particolarmente rivelatrice: “Jane Austen padroneggia un’emozione molto più profonda di quanto non emerga in superficie.” Una considerazione che può essere tranquillamente estesa ai suoi romanzi più famosi.

Un’altra frase (che è conseguente a quella che ho trascritto prima): “Eppure, per qualche motivo, la scenetta ci commuove in modo del tutto sproporzionato all’apparente banalità.” me ne ha ricordata una molto simile di Harold Bloom su Emily Dickinson: “Non c’è banalità che sopravviva alla sue prese di possesso”.

Il brano è tratto da: Virginia Woolf, “Jane Austen”, in Il lettore comune, trad. di Daniela Guglielmino, il melangolo, Genova, 1995, vol. I, pagg. 156-57.

La frase di Bloom su Emily Dickinson da: Harold Bloom, Il canone occidentale, trad. di Francesco Saba Sardi, Bompiani, Milano, 2000, pag. 261.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Jane Austen e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a L'altra Austen. 3: I Watson

  1. gabrilu ha detto:

    Mi presento:
    ho solo letto  tutti i romanzi più noti  di Miss Jane.
    Parecchi li ho anche riletti più volte.
    Non  sono certo un’esperta.

    Presentandomi  ho  voluto mettere  le mani avanti perchè così posso  adesso  dire   in tutta serenità   che  non interloquisco con questi tuoi post per la semplice ragione  che non ritengo di  possedere     competenze e capacità  per farlo.

    Però   tengo moltissimo a dire  che  —  proprio perchè adoro Miss Jane ma non sono un’esperta —  me li sto leggendo  tutti, questi post,  con  grandissimo gusto e profitto.
    Sto imparando un sacco di cose.
    Grazie!

  2. giuseppeierolli ha detto:

    gabrilu, sai che tra di noi ci si insegna e si impara a vicenda. Consideralo un acconto sul saldo che ti devo 🙂
    Devo dire che Jane Austen è davvero un soggetto interessante; in questo periodo sto traducendo le sue opere e insieme le sue lettere, e questo viaggio in parallelo opere-vita mi sta appassionando (checché ne dica il nostro Marcel!).

  3. gabrilu ha detto:

    Ma non avrai mica preso sul serio quello che diceva Marcel nel suo Saint Beuve! E chi ci crede  più, oggi come oggi!    🙂

    Marcel bluffava alla grande, e  quando non bluffava, quelle cose le diceva solo perchè i  suoi   tempi  non erano  ancora tali da potergli consentire  di  dire  "io sono io e basta".

    Non c’era ancora  lo sdoganamento dei  gay e il trionfo dei trans (erano tollerate solo le escort, ma solo  se d’alto bordo e molto acculturate)

    Porello lui  Marcel  ma fortunati noi, perchè se così non fosse stato  forse noi ci saremmo persi   Mr. de Charlus se  non addirittura    il 90% della RTP).

    Ricordiamoci che a Gide  il nostro Marcel  disse: "Si può dire tutto, parlare di tutto, purchè non lo si faccia  mai    parlando in prima persona".

    Scusa la digressione   pesantemente   OT, ma mi hai provocata  ^__^

  4. giuseppeierolli ha detto:

    "Scusa la digressione  pesantemente  OT, ma mi hai provocata  ^__^"

    Ci contavo 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...