Il fiore che non sfioro

Il nuovo libro di Michele Mari: Cento poesie d’amore a Ladyhawke è, come il lettore attento avrà capito dal titolo, una raccolta di poesie, tutte dedicate a un amore duraturo quanto indiscutibilmente sfuggente.
Ci si trova, fin nel titolo, il gusto della citazione eclettica tipico di Mari:

È dalla fine del liceo
che come un fantoccio
della classe morta di Kantor
siedo al mio banco della III A

    *

O cavallina cavallina storna
che appartieni a un tempo che non torna

    *

Come Shane nella Valle Solitaria
avevi una giacchetta di pelle scamosciata
piena di frange svolazzanti

    *

Non aprite quella porta
non entrate nella stanza 237 dell’Overlook Hotel

    *

Wild Bill Hickock
morì freddato alle spalle
con una doppia di assi e nove in mano

    *

Son tutte belle le spade del mondo
tranne la spada di Artù

    *

Amor ch’a nullo amato amar perdona
sempre suonommi assioma nauseabondo

    *

Verrà la morte e avrà i miei occhi
ma dentro
ci troverà i tuoi

ma anche pensosi rifiuti in versi pluriapostrofati:

T’amo
disse alla carpa un persico sognante
ma duro fu il responso:
sono d’un’altra carpa

irrimediabile incomunicabilità:

Io muto
tu sorda
entrambi ciechi

elogi dell’amor platonico:

e tanto era fra noi lo struggimento
che spesso ci siamo presi il lusso
di non baciarci

coincidenze storiche:

I funerali del papa
e quelli del nostro amore
si sono celebrati insieme

e tanto altro. Le poesie sono tutte molto brevi, raramente superano la mezza pagina. Tranne l’ultima: 118 versi in ciascuno dei quali è citato un fiore diverso (la lista la trovate su "ecolaliste"), seguiti da sei versi che contengono tutti la parola "fiore", arricchita negli ultimi due dal verbo allitterante. Una degna conclusione nel segno dell’assenza che si nutre della parola:

Di tutti i fiori la rosa è la regina
che è il fiore dell’amore
ma il fiore mio più bello
il fior della mia vita
il fior che non sfiorisce
è il fiore che non sfioro

Michele Mari, Cento poesie d’amore a Ladyhawke, Einaudi, 2007, 11,50 euro

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il fiore che non sfioro

  1. FedericoP ha detto:

    Le cento poesie di Mari me le sto leggendo la mattina appena sveglio, un po’ per volta. Si rinnova la mia ammirazione per questo scrittore.
    E penso con un brivido a cosa avrei provato se questi canti di guerra e di morte li avessi letti all’epoca dei miei, di infelici amori.

  2. pbeneforti ha detto:

    urca! sono uscito dall’usato mondo, si direbbe.

  3. utente anonimo ha detto:

    Libro pessimo. Delirio infantilistico senza la minima coscienza metrica. Il miglior prosatore italiano contemporaneo è caduto su un terreno che non avrebbe dovuto esplorare. E questo in nome di cosa? Di qualche sguardo adolescenziale? Ma fatemi il piacere! L’amore è carne e sangue, e vagine. Una delusione.

  4. giuseppeierolli ha detto:

    @anonimo
    Ogni giudizio è, ovviamente, lecito, ma solo due appunti.
    Per il “senza la minima coscienza metrica” i cinque versi finali della raccolta: settenari che rimbalzano gioiosi tra lingua e palato, almeno sul mio.
    Per “l’amore è carne e sangue, e vagine” i tre versi finali di pagina 18:

    e cercherò la luce dei suoi occhi
    nel cupo sempre uguale
    di mille vagine

    E poi, quel “l’amore è…” mi sembra un po’ riduttivo; magari qualche altra cosa ci si può anche trovare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...