William Shakespeare, Sonetti

Not marble nor the gilded monuments
Of princes shall outlive this powerful rhyme,

Né il marmo né i dorati monumenti
dei principi sopravviveranno a questa possente rima,

(dal sonetto 55)


William Shakespeare, Sonetti


William Shakespeare, Sonetti, a cura di Alessandro Serpieri, Rizzoli, Milano, 1995

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a William Shakespeare, Sonetti

  1. annaritav ha detto:

    Leggere questi due versi mi fa ripensare al film “Shakespeare in love”, al ritratto un po’ monellesco di Will che metteva in evidenza la sua vitalità. Forse il potente di turno dubitò dell’efficacia delle sue rime come mezzo migliore per ottenere l’immortalità o forse invece l’accettò come fosse una sfida. Per l’opposto mi viene in mente il Giorno di Parini. Grattando via la lucida vernice didascalica, erompe l’ironia che consegna all’immortalità quella fetta di nobiltà dell’epoca, arroccata nei propri privilegi a discapito della parte più debole, sorda e insensibile alle esigenze di una società in evoluzione.

  2. utente anonimo ha detto:

    Il dipartimento di letterature comparate di Roma Tre ha organizzato una giornata di studi dedicata al ruolo delle opere di Shakespeare nel 2010.

    Shakespeare 2010 http://www.uniroma.tv/?id_video=15935

    Ufficio Stampa di Uniroma.TVinfo@uniroma.tvhttp://www.uniroma.tv

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...