DioDIO MACHIAVELLICO?
Io credo in molte cose ma fra queste non c’è nessun tipo di dio. Forse è proprio per questo che ogni tanto mi piace spulciare quello che scrivono coloro che sono chiamati "credenti", un appellativo che è normalmente, e riduttivamente, attribuito soltanto a chi crede nell’esistenza di un essere soprannaturale, superiore, in genere benevolo, anche se non sempre.
In questi giorni sfoglio di tanto in tanto Il male, di Tommaso d’Aquino (Bompiani, 2001, 20 euro e rotti) e mi è venuta la curiosità di vedere come è trattato questo concetto nel compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica (Libreria Editrice Vaticana – Edizioni San Paolo, 2005, 9 euro e mezzo).
La domanda 57 è "Se Dio è onnipotente e provvidente, perché allora esiste il male?" Nella risposta leggo: "Dio non è in alcun modo, né direttamente né indirettamente, la causa del male."
Subito dopo, alla domanda 58: "Perché Dio permette il male?" leggo: "La fede ci dà la certezza che Dio non permetterebbe il male, se dallo stesso male non traesse il bene."
Resto un po’ interdetto. Dio non è causa, nemmeno indiretta, del male, però lo permette. Senza farla troppo lunga, a me sembra un po’ come chi lancia il sasso e nasconde la mano. MachiavelliMa la cosa più curiosa è la seconda parte della risposta alla domanda 58: "se dallo stesso male non traesse il bene". Non mi sembra lontano dalla vulgata machiavellica: "Il fine giustifica i mezzi".
Ma poi, andando un po’ più in là, trovo una decisa, e precisa, negazione della vulgata. Per la domanda 368: "Quando l’atto è moralmente buono?", la risposta è: "Non è lecito compiere il male perché ne derivi un bene. … un fine buono non rende buono un comportamento che per il suo oggetto è cattivo, in quanto il fine non giustifica i mezzi."
Sarà perché sono prevenuto, sarà che le sottigliezze teologiche mi trovano un po’ freddo, sarà perché non ho capito, ma a me questre tre domande-risposte non mi convincono proprio. A meno che non le leggiamo così: "Dio può essere machiavellico, tu no." Per chi ci crede, può essere uno scioglimento convincente.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

5 risposte a

  1. utente anonimo ha detto:

    Non è corretto trarre la conclusione che Dio può essere machiavellico dalla risposta alla domanda 58. Lì infatti si dice chiaramente che Dio *permette* il male NON che lo *compie*.

    In altre parole, Dio, nella sua somma libertà, avrebbe anche potuto scegliere di creare un mondo in cui il male non è neanche permesso (cioè in cui nessuno ha la possibilità di compierlo). Invece – e già a partire dagli angeli (si veda il dossier sul caso “Lucifero”…) – ha scelto di creare un mondo di esseri *liberi*.

    Certo, un bel rischio (per Lui) e una bella responsabilità (per noi). E tuttavia che mondo sarebbe quello in cui il Bene ci fosse stato imposto e noi non fossimo stati liberi di scegliere il Male?

    Si legga la parabola del figliol prodigo (anzi, del Padre misericordioso). Cosa sarebbe successo se il Padre avesse *impedito* al figlio di andare via di casa? Invece il figlio ha sbattuto il muso contro il male (e ha visto che tutto sommato a casa del padre non si stava poi così… male).

    Per chiuderla: il rapporto tra Dio e gli uomini è un dialogo non un monologo. Dio avrebbe pure potuto crearci bruchi obbedienti, ma… sai che palle parlare per l’eternità con una massa di bruchi!

    Serena

    P.S.: se ti vuoi complicare la vita, dopo Tommaso passa ad Agostino: lui distingue tra “libertà” e “libero arbitrio”. Quest’ultimo è proprio la facoltà che abbiamo di scegliere tra il Bene e il Male. La libertà vera si ha invece solo quando si sceglie il bene. Chi sceglie il Male è schiavo del male (crede di essere libero, ma non lo è).

  2. giuseppeierolli ha detto:

    Non c’è dubbio che sia meglio essere uomini che bruchi. Ma tra bruchi inconsapevolmente ebeti e un’umanità che non ha fatto, quasi, altro che sbudellarsi per millenni, si poteva anche scegliere una via di mezzo un po’ meno cruenta.
    Tu l’hai buttata, comprensibilmente, sul libero arbitrio, ma il problema è un altro. Come si fa a dire che Dio permette il male solo se è a fin di bene e qualche pagina dopo dire che “il fine non giustifica i mezzi”?
    Sto parlando di una cosa che ho davanti, il catechismo, non di quello che pensa l’eventuale dio esistente da qualche parte lassù. Cosa pensa veramente questo Dio io non lo so, e credo non lo sappia nessuno. Ma molti ci disquisiscono sopra attribuendogli unilateralmente pensieri e parole, con una leggerezza che mi ha sempre sbalordito.

  3. giambojet ha detto:

    Eh, hai centrato il problema. Non fosse per questo sarei cattolico.

  4. utente anonimo ha detto:

    “il fine giustifica i mezzi”
    1) Dio usa mezzi buoni
    2) Dio ha un fine buono
    Di cosa lo accusi?
    Parafrasando:
    Dio non fa la cacca, ma dalla cacca fa nascere fiori.

  5. utente anonimo ha detto:

    Io post precedente era troppo corto e brusco. Mi spiego meglio:

    Forse non ci siamo capiti sul concetto di mezzi???
    Io ho sempre interpretato la frase finto-machiavellica (come ben sai lui non l’ha mai scritta) nel senso di sentirsi liberi di fare qualunque cosa per ottenere ciò che si vuole: inganni, omicidi, furti, menzogne.
    Ora nel caso di Dio, Egli si trova davanti al male messo in atto dal Nemico e per neutralizzarlo usa solo la Sua infinita bontà: suscita persone che liberamente si facciano interpreti della Sua volontà (Abramo, Mosè, i Profeti e nel cristianesimo i Santi), diffonde abbondantemente il Suo messaggio sulla Terra (mi pare che la Bibbia sia il libro più diffuso al mondo… lo so, lo so che diffuso non significa letto!), ha mandato Suo Figlio sulla terra per condividere con noi tutto, fuorchè il peccato, apposta per portare su di se il peccato del mondo e poterci liberare dalle catene del male.
    Ma che altro doveva fare???
    Ripeto: crearci non liberi, istintivi come gli animali (a proposito, la conosci la vita delle farfalle ameicane che, nate in canada sanno perfettamente la strada per il brasile? Bella vero? Io la chiamo Provvidenza)
    Serena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...