Cronaca della serata del 16 aprile 2005
INCAZZATI NERI – Rodimenti letterari

Locandina "Incazzati neri"Stasera siamo in cinque. Non c’è Michele, ma la presenza del "Libro In Testa Per Tre Minuti" (Roberto Favaro) riporta in pratica il numero all’usuale sestina. Inizia Federico con una stringente disamina della frase "mi rode il culo", la scintilla iniziale della serata che, dopo la consueta elaborazione tematica, ha portato al titolo e sottotitolo finali.Quindi legge il brano di Ammaniti (da Ti prendo e ti porto via). Segue Giuseppe con Manzoni (I promessi sposi); dopo la lettura si lancia in un improbabile parallelo tra la provvidenza manzoniana e l’anticlericalismo verdiano, ovvero tra il "Come parli, frate?" di Don Rodrigo a Fra’ Cristoforo e il "Tais-toi, prêtre" (diventato un più morbido "Che parli, frate" nella versione italiana) di Filippo II al grande inquisitore (nel Don Carlos). Segue Fiamma, che prima di leggere il brano descrive l’indigesto assortimento della coppia protagonista di Un bicchiere di rabbia di Nassar. Alessio ci parla un po’ di Grünbein e del suo diario e legge il brano cannibalesco da Il primo anno. Elvio conclude il primo giro di letture con la fresca, trentennale attualità delle Lettere luterane di Pasolini.
È la volta di Roberto Favaro, il "Libro In testa Per Tre Minuti", con Non è successo niente di Tiziano Sclavi, un brano di cui il meno che si possa dire è che non lesina in nettezza parlando di religione. Roberto, visto che si parla di un argomento atto a solleticare, lo dice prima: "…perciò nessuno si offenda".
Federico avvia la seconda tornata di letture con l’incipit di Memorie dal sottosuolo di Dostoevskij; non si dilunga in presentazioni: Dostoevskij è Dostoevskij. Fiamma parla della tetralogia di Montherlant (per ora accessibile solo per il primo quarto al lettore italiano) e ci rende partecipi della pepata risposta di una trentenne in attesa al dandy che, con nonchalance, aveva rispedito al mittente una proposta di accoppiamento forse giudicata troppo usuale (siamo, naturalmente, dentro a Le ragazze da marito). Ci spostiamo con Alessio in un supermercato, ravvivato dalla simpatica idea del protagonista di Sfregi (dell’uruguayano Courtoisie) di provare un coltello appena comprato sulle linde confezioni in vendita, idea che provoca un profluvio di colorate emorragie, certo più interessanti di semplici scontrini. Elvio dichiara la sua predilezione gaddiana per La cognizione del dolore e ne legge un brano che ci porta nella testa di un figlio sorpreso e contrariato da una incomprensibile inclinazione della madre per un allievo riottoso e incontinente. Conclude Giuseppe, con due tarde "Arie di furore" (o meglio, cabalette) del melodramma italiano: il Rossini del Mosè in Egitto napoletano, che non si fa scrupoli a riusare la stessa musica nella versione francese, con un testo diametralmente opposto (a Napoli: "Tormenti! affanni! smanie! / Voi fate a brani il core!", a Parigi: "Je dois a ta tendresse / La calme de mon coeur") e il "Sì, vendetta, tremenda vendetta" del Rigoletto verdiano.

(I testi li trovate nel nostro sito). 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a

  1. FedericoP ha detto:

    Forse non tutti l’hanno notato, ma nel bel mezzo del vilipendio sclaviano letto da Favaro è entrato in sala, sedendosi tra il pubblico, un giovin scrittore cattolico italiano. Un segno?

  2. utente anonimo ha detto:

    la sera era incazzata eppure mi sono divertito. alex

  3. utente anonimo ha detto:

    a un certo punto c’ero anch’io. c’ero anche a una delle prime letture, forse non si chiamava i libri in testa, ma si leggeva, era da bibli… raffaele mangano e altri, adesso non ricordo. ho riconosciuto solo elvio. di fiamma mi ricordavo i ricci neri, invece sabato la ragazza aveva i capelli rossi, per fortuna che c’era il suo nome sulla locandina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...